Pagelle: Misano GP San Marino

Stoner voto 10 - allucinante

Come detto in cronaca un vero e proprio cyborg, una macchina che impostata sulla grigna con parametri vittoria, esegue l'ordine con precisione. La sua Ducati è una moto perfetta, ha una compagna (di vita) davvero meravigliosa, è ricco e famoso (ora di più), la squadra lo venera come un DIo dell'Olimpo....che dobbiamo aggiungere? Favola

Vermeulen voto 9 - tenace

Nelle passate pagelle lo abbiamo chiamato Rain Man, a dimostrazione del suo grande talento sul bagnato. Ora Chris vuole mostrare che anche sull'aciutto sa guidare ed allora si spara sul circuito di Misano, con l'intenzione di acciuffare Stoner. L'unico con il coltello tra i denti per la vittoria

Hopkins voto 8 - costante

Anche per lui vale lo stesso discorso di Vermeulen fatto nella sintesi. L'americano della Suzuki dall'inizio del campionato spinge forte, si piazza bene e commette pochissimi errori. (tralasciamo quello a Laguna contro il connazionale Hayden). Il prossimo anno salirà sulla kawasaki....cambia il colore speriamo non il carattere.

Rossi nc / Yamaha voto 2 - inaffidabile

Questa volta è il caso di dare un voto anceh alla moto, visto che "Rossi non c'è". Il nuovo motore non rilancia le aspettative ed ambizioni nel team del dottore. Per lui tutto storno, ad anche l'ultima carta sfuma via. Tieni duro campione.

Melandri voto 8 - indistruttibile

Dopo un volo cosi nelle libere, e per giunta il secondo pensando a Laguna, come non definirlo indistruttibile? Demolition Man al contrario. Avevamo ironizzato parlando della saga Melandri VS Asfalto, e Marco sempre con un sorriso sincero, con animo da pilota serio si va a prendere (nonostante gli acciacchi) un meritato 4° posto. Bravo macho

Capirossi voto 7 - non mollo mai

Parte 13° sullo schieramento ma macina posizioni su posizioni durante la gara finendo 5°. Certo la sua moto in fondo è uguale a quella dell'australiano compagno di avventura, e quindi potrebbe diventare plausibile un avvermazione del tipo "beh è il minimo che finisca quinto con quella Ducati....". Ma noi sappiamo chi è Capirossi, sappiamo bene che è uno di quelli che il cuore lo lascia ad ogni gara, e quindi non lo critichiamo. Ha una bella vita al di fuori delle piste ed una altrettanto bella come passato e futuro. Con la Suzuki troverà altri stimoli....grande Loris

Meda voto 1

Basta leggere la sintesi della gara. Non ripetiamoci