biaggi

SBK: Gara 2 MISANO - 21 Giugno 2015

Per Gara 2, sul gradino più alto del podio, cambia il nome del vincitore ma non il colore della moto. Dominio Kawasaki a Misano con Jonathan Rea che risponde di forza al compagno di squadra Tom Sykes. Per il nord irlandese sono 11 le vittorie in questa stagione su 16 gara disputate.
 
Davide Giugliano chiude al 2° posto davanti all'inglese di casa Aprilia Leon Haslam protagonista, assieme a Chaz Davis, di una bella battaglia fino alla bandiera a scacchi. Solo 5° posto per il vincitore di Gara 1 Tom SykesDietro Max Biaggi riesce a sopravanzare negli ultimi giri Jordi Torres e conquistare ancora un importante sesta piazza. Questa volta il distacco dal vincitore è di soli 5 secondi. 
 
Chiudono le prime 10 posizioni Michele Pirro ed i piloti Pata Honda, Sylvain Guintoli e Michael van der Mark. Da sottolineare la sfortunata caduta per Matteo Baiocco durante la tredicesima tornata. Ritiri per Leandro Mercado ed Alex Lowes.
 
 
Dario Massi (MotomondialeITALIA) con Sylvain Guintoli - Misano World Circuit
 
Lo spettacolo di Misano si chiude con un bagno di folla nel paddock con il vero protagonista della giornata, Max Biaggi.
 

Max Biaggi nel paddock dopo Gara 2 - Misano World Circuit
 
Il sei volte campione del mondo, assediato dai tifosi, non nasconde emozione e felicità per questo nuovo abbraccio. Sorrisi, selfie, e pacche sulla spalla aspettando Sepang.
 

SBK: Gara 1 MISANO - 21 Giugno 2015

 
 
Al Misano World Circuit "Marco Simoncelli" grandi emozioni e solito spettacolo targato SBK. Ciliegina sulla torta il ritorno di Max Biaggi in sella all'Aprilia.
 
Tom Sykes si impone per discatto con Gara 1 davanti al compagno di squadra Jonathan Rea e al connazionale di casa Ducati Chaz Davis. Bella ed intensa la battaglia tra Davis ed il nostro Giuliano che purtroppo, complice la caduta nelle prime libere, stringe i denti ma deve accontentarsi della quarta piazza. 
Haslam chiude al 5° posto davanti a Biaggi e Badovini. Ottima la prestazione del romano tornato alle corse dopo quasi 3 anni di assenza. Ai campioni veri (anche Bayliss aveva dimostrato il suo) il talento è destinato a non andar mai via.
Seguono: Michele Pirro, Sylvain Guintoli e Michael van der Mark a chiudere la top 10. Ritirati purtroppo: Niccolò Canepa, Randy De Puniet e Jordi Torres
 

SBK: Gara 2 ARAGON - 19 Giugno 2011

Per Gara 2 il gradino più alto del podio rimane tricolore ma si aggiungono le strisce dell'Aprilia Alitalia e del suo centauro italiano Max Biaggi. L'unico a tenere il passo del Campione del Mondo in carica è il connazionale del Yamaha World Superbike Team Marco Melandri che nel finale, complice anche un lungo, è constretto ad alzare bandiera bianca dal cupolino della sua R1. Chiude il podio lo spagnolo, attuale leader del mondiale, Carlos Checa
 
Michel Fabrizio conquista la quarta piazza concludendo davanti alla Kawasaki di Lascorz. Raro, ma accade anche questo in SBK, le prime 5 posizioni con 5 marchi di fabbrica diversi.
 
Seguono: Laverty, Haga, Camier, Haslam e Badovini a chiudere la Top 10.
 
Dopo la tappa di Aragon, il numero 7 di casa Ducati contiene i danni a quota 261 punti, ma vede avvicinarsi i diretti rivali con Biaggi a 218 e Melandri a 195 punti.
 
Prossima battaglia fissata per il 10 Luglio in terra ceca sul circuito di Brno.



 

SBK: Gara 2 IMOLA - 26 Settembre 2010

La doppietta dello spagnolo Carlos Checa passa profondamente in secondo piano davanti all'impresa mondiale targata Biaggi - Aprilia. Il binomio italiano davanti ad un popolo tricolore di quasi 70.000 appassionati è il nuovo Campione del Mondo Superbike.

Ai microfoni nel post gara: "Sono così contento, è un'emozione che sento in tutto il corpo. E' davvero fantastico, sembra un sogno che diventa realtà. Non ho mai smesso di sognare che potesse accadere, vincere il titolo è stato sempre nella mia mente. Con le giuste condizioni sapevo che potesse succedere. E' vero che quest'anno in Aprilia abbiamo fatto un ottimo lavoro. Ci sono piloti veramente forti in pista, non voglio togliere nulla a nessuno, alcuni sono stati più costanti di altri, ma sono tutti velocissimi e questo campionato è davvero competitivo. In gara 1 ho avuto tantissimi problemi, in pista e fuori pista, la moto è andata di traverso ma non sono caduto. E' stata davvero dura, sicuramente non abbiamo mai ottenuto il set-up giusto per Imola, non è una pista facile ma non ho mai smesso di provare. In gara 2 abbiamo stravolto un po' la moto e ho attaccato fin dal primo giro. E' davvero una giornata bellissima per me, per tutta la mia squadra, per Aprilia Alitalia, i miei sponsor, tutti quelli che ci hanno supportato per realizzare questo sogno. Oggi l'abbiamo fatto accadere sul serio."

Per la cronaca chiudono il podio il giapponese Noriyuki Haga su Duati Xerox ed il britannico Cal Crutchlow in sella alla Yamaha del team Sterilgarda.

SBK: Gara 2 BRNO - 11 Luglio 2010

Con un ritmo insostenibile per tutti i suoi rivali il corsaro dell'Aprilia Max Biaggi vola verso il traguardo di Gara 2. Per l'italiano si tratta della nona vittoria in stagione, ora i punti di vantaggio sul diretto rivale Leon Haslam sono 68.

Ai microfoni nel post gara dichiarerà: "Dopo il secondo posto in gara 1 ero comunque soddisfatto anche se, sinceramente, su questa pista mi aspettavo il massimo. Così è stato nella seconda gara: abbiamo fatto qualche modifica alla sospensione posteriore ed al cambio, interventi che hanno funzionato. Dopo essere stato per un po' dietro a Rea ho constatato di essere più veloce ed ho sorpassato, da lì in poi ho spinto al massimo senza pensare al degrado delle gomme e la pista mi ha dato ragione. Ringrazio il mio Team, i ragazzi mi supportano e credono nelle mie indicazioni, come confermano i nostri risultati. Ci sono ancora tanti punti in palio, io non guardo mai indietro e continuo a rimanere concentrato gara dopo gara. E' questa la filosofia vincente."   

Assieme al romano sul podio: Jonathan Rea e Michel Fabrizio. Seguono: Toseland, Haga, Checa, Guintoli, Camier, Byrne ed Haslam, solo 10.


 
 

SBK: Gara 2 MISANO - 26 Giugno 2010

Anche in Gara 2 il binomio Biaggi/Aprilia impone la legge del più forte. L'italiano domina dalla prima all'ultima tornata, tagliando il traguardo con quasi 7 secondi di margine sul diretto inseguitore e rivale alla corona iridata Leon Haslam.
Ai microfono nel post gara dichiarerà: "In un campionato così duro ed equilibrato le vittorie si sudano tutte. In gara 2, a dire il vero, ho forse guidato un po' sopra le righe, forse rischiando fin troppo. Ma del resto chi non rischia non raccoglie! Questa gara rappresentava un momento cruciale per noi, e per la nostra stagione, ne usciamo a testa alta; come sempre devo ringraziare di cuore tutti: dai ragazzi del team ai nostri tifosi. Vittorie come queste non sono mai casuali e queste in particolare sono merito di una grande famiglia che lavora per un obiettivo unico."
3° gradino del podio per il centauro di casa Ducati Michel Fabrizio. Seguono: Crutchlow, Checa, Guintoli, Byrne, Scassa, Haga e Corser che chiude la top 10.

  
Condividi contenuti