haga

SBK: Gara 2 VALENCIA - 11 Aprile 2010

La Ducati Xerox torna sul gradino più alto del podio con il suo centauro "Made in Japan". Il numero 41 di Borgo Panigale si impone in classifica aggregata con la somma dei tempi (la gara era stata interrotta per 30 minuti alla terza tornata causa incidente) su Carlos Checa (0.025) e sul nostro corsaro Max Biaggi (0.299).

Solo 4° posto per il leader della classifica generale Leon Haslam. Nonostante la prova poco brillante il britannico non concede troppo terreno al diretto inseguitore Biaggi, mantenendo un margine di 18 punti.

Seguono: Rea, Guintoli, Toseland Byrne, Crutchlow e Smrz. Le due BMW S1000 RR del Team Motorrad Motorsport concludo in undicesima e dodicesima piazza rispettivamente con Xaus e Corser. Week end da dimenticare per Michel Fabrizio, costretto ancora al ritiro.

La Suzuki svetta a quota 123 punti in classifica construttori seguita dalla Ducati a 107 e dall' Aprilia a1 05. Lontane le giapponesi Honda (61 punti) e Yamaha (57 punti).

SBK: Gara 2 PORTIMAO - 25 Ottobre 2009

Ben Spies si schiera sulla griglia di Gara 2 con il titolo iridato già nel cupolino della sua Yamaha. Fin dalle prime tornate il texano mostra la volontà di correre amministrando il vantaggio sul diretto rivale alla corona Haga. Con il quinto posto sotto la bandiera a scacchi si laurea campione del Mondo 2009.

Per la cronaca il podio vede sul gradino piu alto il romano Michel Fabrizio seguito dal compagno di colori Noriyuki Haga e dal centauro di casa Honda Jonathan Rea.


Nel Best Lap dedicato alla battaglia tra il nostro tricolore Michel Fabrizio ed il nord irlandese Jonathan Rea. Lo statunitense Spies festeggia il titolo mondiale.....il silenzio, con onore, dello sconfitto Haga.


SBK: Gara 1 PORTIMAO - 25 Ottobre 2009

Ben Spies conquista Gara 1 di questo ultimo round SBK 2009. Assieme al texano della Yamaha sul podio Jonathan Rea e Max Biaggi.

Il centauro di casa Ducati e diretto rivale al titolo mondiale Noriyuki Haga scivola. Per il giapponese tonnellate di pressione sulle sue spalle e chilometri di pensieri nella mente.


Nel Best Lap le telecamere rendono omaggio a Spies, al suo modo di guidare....al suo essere davanti a tutti nella stagione di esordio.


SBK: Gara 2 MAGNY COURS - 05 Ottobre 2008

Troy Bayliss non si accontenta del trono mondiale conquistato con un bellissimo terzo gradino del podio in gara 1....highlander vuole quello più in alto per salutare tutti in grande stile.

L'australiano lotta per tutta la manche con il solito, implacabile, Noriyuki Haga. Questa volta però il giapponese non riesce a domare il leone di Borgo Panigale. La Ducati vola sull'asfalto francese, tra derapate estreme, imbarcate paurose, staccate oltre il limite. Troy piega i tralicci della sua 1098, non molla mai neanche con quel titolo appena conquistato e nascosto tra il cupolino della sua rossa signora. 

Chiude il podio Corser, seguito da Carlos Checa e dalla coppia del Team Sterilgarda, Ruben Xaus e Max Biaggi.  

Seguono: Kagayama, Nieto, Neukirchner e Rolfo. Male Michel Fabrizio, solamente 14°.

Video: Highlights Magny Cours 2008 Race 2


SBK: Gara 1 DONINGTON - 07 Settembre 2008

Pioggia sul circuito di Donington Park. Gara sospesa per ben due volte; la prima per l'olio in pista causa rottura della Yamaha YZF-R1 del giapponese Noriyuki Haga e nella seconda occasione per colpa della "flotta d'acqua" che scendeva dal cielo.

Vince Troy Bayliss con una gara fantastica. Il campione australiano dichiarerà successivamente:

"Vengo a Donington dal 1998 e sono molto contento di aver vinto finalmente. Tutto il weekend e' stato positivo, abbiamo avuto condizioni molto variabili ma siamo stati veloci sia sull'asciutto sia sul bagnato. Tutto il tempo ho tenuto d' occhio il muretto per vedere la somma dei tempi, mi sarei accontentato anche del secondo posto ma non avevo mai vinto qui, quindi volevo proprio questa vittoria".

Per Motomondiale ITALIA rappresenta uno dei veri piloti, campioni nell'anima e nella passione per le due ruote. Un uomo nato per correre e respirare la verà sportività. Troy vuole dare sempre il massimo in pista....e fuori...con inconiabile professionalità e dedizione ci racconta sempre quanto sia bello andarci...al massimo. Grande Bayliss, immensa Ducati.

Secondo sul podio la wild card inglese Tom Sykes in sella alla Suzuki GSX-R1000, che precede lo spagnolo Ruben Xaus. Quest'ultimo però verrà squalificato dai commissari, causa seconda esposizione della bandiera rossa. Episodio non chiaro e di certo ancor meno positivo per il Team Sterilgarda gestito da Marco Borciani. Finisce sul podio il nostro Max Biaggi, che dichiarerà ai microfoni:

"Ero nei box e mi stavo levando la tuta di pelle, preparandomi a tornare al mio motorhome, quando i marshal sono venuti a chiamarmi dicendo di fare in fretta, che ero in ritardo. 'Per andare dove?' ho chiesto loro, 'sul podio' mi hanno risposto..."

Il corsaro dopo questa sorpresa ne riceverà un'altra meno gradita. A donarla è il compagno Xaus, costretto a scendere "letteralmente" dal 3° gradino del podio. Animata discussione tra i due centauri. Incolpevole Max da tutti i punti di vista.  

Tra le "vittime" dell'asfalto scivoloso di Gara 1 da segnalare per ritiro: KiyonariCarlos Checa, Max Neukirchner e uno sfortunato Troy Corser.

Condividi contenuti